Collana d’oro da uomo, retaggio degli anni ’70?

Le collane sono forse il più antico tra i gioielli: in tempi antichissimi, come altri ornamenti, erano usate durante riti magici per allontanare gli influssi malefici.
Nella storia poi le collane hanno assunto forme sempre più raffinate e ai nostri giorni sono degli ornamenti particolarmente amati sia da uomini che da donne.

I primi gioielli della storia furono quelli indossati dai sacerdoti, insieme alle corazze, che avevano un significato spirituale. Con il tempo gli artigiani orafi hanno poi iniziato a forgiare pezzi in oro anche per altre zone del corpo, in particolare per il busto e per il collo. Di conseguenza i gioielli da uomo con il tempo si sono trasformati in ricche corone, enormi anelli e vistose collane.
Ci sono in seguito stati periodi in cui la diffusione di gioielli per l’uomo era diminuita, perché vista come inappropriata per un’eleganza tipicamente maschile. Ma negli ultimi anni il sesso forte si è riavvicinato ai gioielli.
In particolare negli anni 70 erano di moda le camicie da uomo portate aperte quasi fino all’ombelico, su stretti jeans a vita bassa e con zampa di elefante. La camicia aperta consentiva quindi all’uomo, di mostrare, senza una grande eleganza, una vistosa collana d’oro o di bigiotteria, che l’uomo amava sfoggiare per essere ammirato. Probabilmente era una forma di protesta in un momento storico in cui dominavano la contestazione giovanile, gli hippies e le femministe. La collana d’oro al collo era per l’uomo un eccesso che andava mostrato con orgoglio, come tutti gli eccessi che cercavano di smantellare il perbenismo della società ingessata di quegli anni.
Oggi invece l’uomo, specialmente se molto giovane, ama indossare gioielli alla moda, con disegni esclusivi, tra cui orecchini personalizzati, originali bracciali, belle e vistose collane e, naturalmente, vari tipi di anelli. Ma l’avvicinarsi dell’uomo ai gioielli ha ben altra motivazione rispetto a quella che poteva avere negli anni ’70.

Oggi l’uomo, come la donna, cura di più lo stile e l’eleganza, cercando di distinguersi anche attraverso l’utilizzo di gioielli. Negli ultimi anni, anche gli anelli per le nozze, le cosiddette “vere”, sono stati opportunamente modificati per assecondare il gusto degli uomini, aggiungendo elementi di design innovativi non convenzionali.

A parte considerazioni storiche e sociologiche, spesso molti uomini tendono a indossare anelli, orecchini e orologi d’oro, tutti contemporaneamente, dimostrando di non conoscere i canoni dell’eleganza maschile. Pensano infatti di ostentare sfarzosità e ricchezza, invece mostrano solo confusione di idee e cattivo gusto.

In ogni caso spesso il gioiello tipico preferito dall’uomo è la collana. Alcuni amano indossarla d’oro massiccio o argento: molti stilisti hanno però realizzato diverse tipologie di collane, l’uomo può scegliere, una linea pesante e lavorata, oppure più leggera, semplica e liscia.
Inoltre alcuni preferiscono personalizzare i propri gioielli con delle lettere, simboli oppure con un’incisione.

Collane molto vistose rischiano di diventare un accessorio eccessivo e poco elegante, specialmente se si indossano in un ambiente sobrio ed elegante. Ma se sono indossate in vacanza oppure in un ambiente del tutto informale con gli amici possono essere accettate di buon grado. L’accessorio prezioso consente a un uomo di possedere una certa versatilità per ciò che riguarda la propria immagine, l’importante è che non si ecceda ma venga acquistato con criterio.

I gioielli, di ogni genere e dimensione, sono comunque, sia per l’uomo che per la donna, un investimento senza tempo, anche se, secondo le fondamentali regole di eleganza, un uomo, dovrebbe metterne in mostra il meno possibile. Se comunque si desidera acquistare un oggetto d’oro e non si possiede la liquidità sufficiente, ci si può rivolgere a uno dei tanti negozi “compro oro” che siano affidabili e corretti: presso questi negozi è possibile acquistare gioielli riportati a nuovo con prezzi davvero vantaggiosi!